logo ZEROVENTICultura

silvia boffelliSilvia Boffelli (bibliotecaria e ricercatrice storica)

E’ nata a Brescia nel 1979 e si è laureata presso l’Università degli studi di Parma in Lettere, con la tesi Il mito del Risorgimento nel movimento dei lavoratori bresciani (1876-1904) e da settembre 2006, lavora presso la Biblioteca comunale “Gianni Rodari” di Castelcovati, con compiti di gestione complessiva della Biblioteca e di organizzazione delle attività di promozione alla lettura.

Dal 2007 progetta e realizza con l’Associazione Anteo. Storia, ricerca, formazione di Brescia, incontri di formazione sui temi della memoria e degli strumenti della ricerca storica nelle scuole secondarie. Collabora con la rivista “Zapruder. Storie in movimento. Rivista di storia della conflittualità sociale” e si occupa di ricerca storica. Ha partecipato a diversi incontri e convegni come relatrice.

Ha collaborato con l’Archivio storico “B. Savoldi e L. Bottardi Milani” di Brescia a progetti di ricerca e riordino dell’archivio storico.

Ha curato l’edizione di La morte in piazza. Indagini, processi e informazione sulla strage di Brescia (Red Star Press, 2015) e di Italiani in Jugoslavia. Occupazione dei Balcani e razzismo «antislavo» (ATì, 2013)

Ha pubblicato i seguenti volumi:
- I lavoratori tutti, alzarono la mano. Cent’anni di storia e vita sindacale nella cartiera di TOSCOLANO MADERNO, Camera del Lavoro di Brescia 2006
- Noi sfileremo in silenzio. I lavoratori a difesa della democrazia dopo la strage di piazza della Loggia, Ediesse2007
- Vengano un po' dove falciamo noi... Vite, storie e lotte dei lavoratori dell'agroindustria a Brescia dagli inizi del Novecento a oggi, Gam 2006

In corso di pubblicazione: Storia della Cooperativa di consumo di Rezzato

Percorso di lettura e riflessione sui temi della deportazione e dello sterminio

Attività

Approfondimento tematico - Letture - Shoah

 

Descrizione e modalità

Il progetto affronta la tematica della deportazione e dello sterminio attraverso l'analisi della rappresentazione della Shoah nella letteratura e nelle memorie dei sopravvissuti. Si porrà l’attenzione sull'importanza di "umanizzare" la Storia, presentando le testimonianze di coloro che hanno vissuto l’esperienza, cercando di realizzare un percorso “virtuale”, in cui le parole dei libri accompagneranno gli alunni nel “viaggio del terrore”, come è stato per milioni di uomini e donne.

Leggi tutto...

Raccontare la Prima e la Seconda Guerra Mondiale

Un viaggio tra le fonti storiche meno conosciute e la letteratura per ragazzi

 

Attività

Approfondimenti tematici - Grande Guerra

 

Descrizione e modalità

L’incontro, di tipo frontale, si svolge lungo due filoni: illustrare, con l’ausilio di supporti multimediali, le fonti storiche alternative, come quelle orali e iconiche e, in un secondo momento, affrontare alcuni temi del conflitto attraverso la narrativa per ragazzi. 

Leggi tutto...

Storia locale: custode della memoria del territorio

Attività

Laboratorio - Approfondimento Tematico

 

Descrizione e modalità

Attraverso un primo incontro frontale si cercherà di analizzare alcuni episodi significativi della storia locale del Comune, in cui si svolge l’attività, per veicolare sia la conoscenza degli eventi che, soprattutto, gli strumenti che lo storico utilizza nella ricerca. Uno dei punti centrali del progetto è favorire l’incontro dei ragazzi con l’uso delle fonti, intese come aspetto imprescindibile della ricerca storica. Inoltre, attraverso un approccio diretto, si cercherà di dimostrare come sia possibile utilizzare molteplici tipologie di fonti, anche quelle meno convenzionali.

Leggi tutto...

Strage di Piazza della Loggia: la memoria delle giovani generazioni

Attività

Approfondimento tematico - Strage di Piazza Loggia

 

Descrizione e modalità

Il cuore di questo progetto è raccontare ai ragazzi la vicenda della strage di Piazza della Loggia del 28 maggio 1974 attraverso una narrazione articolata - all’interno di un discorso più ampio che non la riduca a storia locale - cercando di toccare le corde dell’emotività per suscitare, da un lato, una reazione di repulsione e sdegno e, dall’altro, di empatia e condivisione di quel moto civile e di popolo che è seguito all’efferata violenza.

Leggi tutto...

logo ZEROVENTI Cultura FB-01

corsidiformazione